Elisabetta Franchi “La mia bambina” a Conversano

   

Il mio lavoro è molto variabile: un giorno ti ritrovi a combattere ore e ore con tabelle e allineamenti nel silenzio assoluto del tuo monitor, il giorno dopo ti ritrovi catapultano in una favola, con mille persone intorno a te e gli occhi pieni di meraviglia. A #castellomarchione ci sono stata mille volte, per mille motivi diversi, ma ogni volta che varco la soglia di questo posto le mie pupille si dilatano per accogliere bellezza. 

Il 20 aprile 2018 non lo scorderò mai: era la prima volta che stavo un giorno intero lontano da Gaia, era la prima volta che presenziavo ad un servizio fotografico per tutta la durata dello shooting, era il primo progetto che condividevo con l’agenzia #ventidieciadv di Putignano

 

Lascia un commento